Direzione Artistica Gian Luca Pecchini

Parco dell'Appia Antica

Passeggiata Guidata

Per incentivare la mobilità sostenibile, nei giorni dei concerti presso la Dimora Storica del Lazio Casale delle Vignacce, il Parco Regionale dell’Appia Antica organizza una passeggiata guidata a ville, torri e casali tra il III e il IV miglio della via Appia Antica, da Villa Capo di Bove al Casale delle Vignacce, alla scoperta del paesaggio tra le Vigne del suburbio e le grandi tenute dell’agro romano.
L’appuntamento è alle ore 20 al Bar Appia Antica, via Cecilia Metella incrocio via Appia antica. Le date 7, 9, 10, 11, 12 e 13 luglio.

Racconti di Storia

Ciclo di incontri su eventi, personaggi e idee cha hanno fatto la storia della Regina Viarum nei secoli

Gli eventi si terrannno all’interno del Complesso del Mausoleo di Cecilia Metella-Castrum Caetani

Acquista i biglietti* per i Racconti di Storie e la Visita Guidata
sul sito del Parco Archeologico

(*) Biglietto Ordinario 4 siti

Le complesse vicende del Complesso del Mausoleo di Cecilia Metella-Castrum Caetani attraverso i secoli.

Intervengono:
Dott.ssa Mara Pontisso
Funzionaria Archeologa del Parco Archeologico dell’Appia Antica
Arch. Raffaella Rocchetta
Funzionaria Architetto del Parco Archeologico dell’Appia Antica

L’intervento dopo l’illustrazione dell’articolata storia del sito, rifletterà sui possibili ruoli e significati nel contesto attuale del Parco Archeologico.

A seguire l’intervento musicale “Islanders” con il duo cellos Naomi Berrill e Andrea Beninati, lezione-concerto.

Dove comincia l’Appia

Interviene:
Prof. Daniele Manacorda
Docente ordinario di Metodologia e tecnica della ricerca archeologica presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma Tre

La conversazione verterà sul tratto iniziale della via Appia e ne illustrerà i cambiamenti dì uso e di paesaggio nel corso dei secoli dall’età repubblicana ad oggi con particolare riguardo alle trasformazioni avvenute tra Antichità e Medioevo.

Quando l'archeologia incontra il paranormale

Interviene:
arch. Stefano Antonetti
Funzionario Architetto del Parco Archeologico dell’Appia Antica

Il tema tratta del rapporto tra archeologia e il paranormale, tema molto in voga nell’800 come coda del romanticismo d’oltralpe ( Germania ) e dell’occultismo vittoriano (Inghilterra). Il coinvolgimento degli archeologi ruotanti attorno alla Commissione di Archeologia Sacra, alla figura di Papa Pio IX, all’apertura del Cimitero del Verano in cui si recupera l’immagine delle vie pubbliche extra urbane costeggiate di sepolcri pagani, sono il mix delle ricerche medianiche di alcuni cultori dell’indagine archeologica/antiquaria ottocentesca. Lorenzo Fortunati è uno di questi in quanto si lega a papa Pio IX nelle esperienze medianiche riportate nella memoria di alcuni suoi discendenti.

 

Verso Roma, via da Roma, percorsi medievali

Interviene:
Prof.ssa Francesca Stasolla
Docente ordinario di Archeologia Cristiana e Medievale presso il Dipartimento di Scienze dell’Antichità dell’Università La Sapienza di Roma

Si parlerà della posizione di Roma nella viabilità medievale, con specifico riferimento ai destini della via Appia, e delle trasformazioni della rete stradale nel corso del Medioevo, anche in relazione al fenomeno dei pellegrinaggi.

I Caetani alla conquista di Roma. La veloce parabola del castrum di Capo di Bove sull'Appia.

Interviene:
Dott. Stefano Roascio
Funzionario Archeologo del Parco Archeologico dell’Appia Antica

Nel suggestivo scenario del salone del Palazzo Caetani, verrà ricostruita la parabola ascendente dei Caetani che, a partire dal XIII secolo e sotto l’accorta guida di Benedetto, futuro pontefice Bonifacio VIII, progressivamente espandono la loro sfera di influenza dal Lazio interno fino alle porte dell’Urbe. Il recinto fortificato di Capo di Bove rappresenta la più eloquente traccia della politica espansionistica della famiglia, che arriva a sfidare la stessa città santa e a tentarne un controllo diretto, anche militare. La parabola ascendente si interrompe tuttavia con la precoce morte del pontefice e, ancora una volta, i resti materiali delle strutture sono in grado di definirne la storia. 

L’Appia è moderna: l’immaginario dell'Appia nel XX secolo.

Intervengono:
Simone Quilici
Direttore del Parco Archeologico dell’Appia Antica
Dott.ssa Ilaria Sgarbozza
Funzionaria Storica dell’arte del Parco Archeologico dell’Appia Antica

La conversazione verterà sui contenuti della mostra in corso presso il Casale di Santa Maria Nova, presentando il dibattito culturale maturato nel corso del Novecento intorno alla Regina Viarum e al suo territorio, con particolare riferimento ad architettura, arti figurative e cinema.

Per maggiori informazioni scrivi a info@romaunpluggedfestival.it